Arrampicata   <<pag.1    <<pag.2   <<pag.3   <<pag.4  pag.5  pag6>>
  Ultime salite: foto e relazioni contatti link webdolomiti.net
Home Vie Moderne Vie Classiche Escursionismo Scialpinismo Sfondi Desktop

Nome Salita: Via "Mamma e Papà"
Regione: Veneto
Zona: Passo Giau
Partenza da: Passo Giau
Sviluppo: circa 300m

Salita a: Sud
Discesa: per sentiero o in corda doppia
Difficoltà max: 7°+
Informazioni: relazione dal sito www.dolomitiskirock.com

Ripetuta, martedì 12 agosto, la nuova Via di Mario Dibona moro sulla Ra Gusela al Passo Giau. Via molto bella e impegnativa che richiede concentrazione e buon allenamento per la libera completa.
Una Via con caratteristiche alpinistiche e difficoltà da palestra... Da non paragonare a Vie come "Love my dog" o "Nikibi" dello stesso autore. Le protezioni sono a spit non sempre vicini, il tracciato e i passaggi sono talvolta difficili da intuire. Si arrampica in placca, su diedro, in fessura, ...

Con noi anche un'altra cordata... composta da Mario Dibona moro (autore della Via) e Armando Nascè, incontrati casualmente al passo.
In un paio di occasioni Mario mi ha dato indicazioni sul tracciato. Indicazioni molto utili ... ;-)

Mamma & Papa'

Ripetizione e Foto di: Amos e Laura - Venzo e Monica e ... Mario Dibona moro e Armando Nascè

Via "Mamma & Papà"  aperta in solitaria da Mario Dibona moro il 29 luglio 2013.

Tiri 10 - difficoltà max 7°+ o A0 - in generale 5° e 6° sostenuti

Attacco:
Dal parcheggio del passo Giau dirigersi verso la Ra Gusela e quasi subito deviare a destra per evidente sentiero N° 443, quindi a sinistra in direzione del centro della parete (vedi foto). Una fune aiuta a raggiunger l'attacco della Via. Sulla sinistra della parete gialla parte un evidente diedro fessura grigio (fix alla base). Circa 30min. Vedi anche foto 2

- Relazione:
Di seguito riporto la relazione di Mario Dibona tratta dal sito www.dolomitiskirock.com
1° tiro: partire leggermente a dx del diedro su bella placca per entrare e superare un piccolo strapiombo in fessura - diedro. 5° - 6°
2° tiro: Ancora in fessura- diedro giallo, per deviare a dx ed arrivare ad un ballatoio pieno di chiodi...
5° - 5°+
3° tiro - tiro chiave: In delicata attraversata verso dx devo raggiungere una piccola fessura (spiaggio non facile) che la supero con una bella Dulfer atletica. ( 7°+, 6° oppure posso tranquillamente azzerare)
4° tiro: Ancora in diedro superando un piccolo strapiombo non banale. 6° - 5°
5° tiro: In placca fin sotto ad un sporgente sasso incastrato nella fessura e poi ancora in diedro-fessura.
4°+ - 5°
6° tiro: Supero ancora un strapiombino giallo per entrare in una fessura che finisce ad un ballatoio, uscire a sx per trovare la sosta. 5°+
7° tiro: Dalla sosta attraversare a sx per arrivare sotto una bella paretina grigio-nera. Attenzione alla fine per sassi instabili. 5°+
8° tiro: Attacco la parete-gialla sopra lo spallone con una bella arrampicata fino ad una piccola terrazza.
5°+ 6°-
9° tiro: Puntare ad una larga fessura nera che la supero direttamente . Questo tiro è leggermente friabile, ma ben protetto. 5°
10° tiro: Tiro breve e facile per raggiungere l'anti-cima de Ra Gusela. 3°
Discesa: 2 sono le possibilità: la prima e quella di raggiungere la cima e scendere a piedi lungo il sentiero.
La seconda e scendere direttamente in corda doppia.
Appena sotto l'anti-cima parte la prima corda doppia su 2 chiodi e cordone.
Arrivati allo spallone con 3 calate da 30mt costeggio la parete sud-est che porta nel canalone ghiaioso, più in basso ci sono altre 3 calate lungo la cengia ghiaiosa.


Materiali:
le soste sono attrezzate con fix, la maggior parte anche con catena. Portare 11 rinvii, cordini, qualche friend medio e due corde da 60m

Note:
- Via alpinistica con difficoltà da palestra. Da non sottovalutare.
- Sul 5° tiro non continuare nel diedro fessura fino alla fine. Fare attenzione: la sosta, non evidente, si trova a sx una decina di metri prima della fine del diedro fessura stesso.
- Sull' 8° tiro, uno dei più belli, 3/4m prima della fine abbandonare la placca e spostarsi a dx sul diedro fessura.
- Noi siamo scesi in doppia come da relazione, penso comunque che sia conveniente raggiungere la cima e scendere lungo il sentiero. La discesa in doppia comporta caduta sassi e il traverso dopo le prime tre calate non è dei più semplici. Le calate sono da 30m giusti (con una corda da 60m fare i nodi alla fine)

Eva Dorme
Brigida
Buon
Compleanno Tex
Venere
Sognando
una Bionda
Kalymnos 2014
Jolly Roger
Kalymnos 2015
Odio la Guerra
Sole e Metallo
Pilastro Massud
Sguarauunda
Via degli Ignoranti
Archangelo
Anche le donne vogliono arrampicare
Commenta Salita
Leggi Commenti
per la stampa

Arrampicata   <<pag.1    <<pag.2   <<pag.3   <<pag.4  pag.5  pag6>>